13 dicembre 2012 0 Comments Category: Bambini in barca

Bambini e vacanze in barca a vela. II

La sera che precede la prima notte a bordo, per i bambini alla loro prima vacanza in barca a vela è sempre elettrizzante. C’è un gran via vai tra le loro cabine e quelle dei genitori  con risate, strilli e silenzi preoccupanti, pechè si sa,  quando i piccoli stanno zitti fanno sempre preoccupare per le marachelle che tramano! Con la scusa della buona notte, li saluto e li avverto che la giornata successiva ci vedrà scoprire alcuni termini marinareschi  mentre faremo un giro per tutta la barca iniziando anche a conoscere i nodi principali usati. Fortunatamente, vista la stanchezza accumulata, la giornata trascorsa con i primi  bagni e lo scarico della tensione accumulata, presto cadono tutti in braccio a Morfeo e in barca regna finalmente un tranquillo silenzio.

Al mattino, molto prima dell’orario per la colazione, mentre ancora sonnecchio in pozzetto,qualche bimbo  me lo trovo già davanti, silenzioso oppure che guarda curiosamente  attraverso il boccaporto che dà accesso  alla cabina dell’equipaggio.  Subito chiede informazioni sul perchè io dorma fuori in pozzetto o in quel  posto abbastanza angusto dove entro a malapena ed iniziano  le prime spiegazioni.

bambini in barca

Piccoli lupi di mare crescono!

Mi salvo, per il momento,  dicendo che tra poco si alzeranno tutti e lo nomino subito cambusiere spiegando i suoi nuovi ed importanti compiti:  mettere in tavola bicchieri, tazze, miele, marmellata e burro dopo aver disteso con lui la tovaglia e controllato che il marinaio metta a bollire acqua latte e faccia brontolare la moka del caffe .

Questo credo che sia uno dei momenti più belli, vedere tutti attorno al tavolo della dinette rilassati ma con la voglia negli occhi di proseguire prima possibile nella scoperta di tutto questo nuovo mondo

Finite le colazioni e  iniziata la parte mattutina della navigazione s’inizia con giro sulla coperta.  Descrivendo l’uso che si fa delle varie attrezzature e il loro nome si cerca di spiegare  che la sicurezza, oltre alle dotazioni, l’esperienza e tutte le precauzioni necessarie in navigazione,  sta nel fatto di parlare sempre a voce alta e in modo chiaro.  Quello di mantenere il volume del tono di voce alto non è mai un problema per i bambini che incontrano invece qualche difficoltà in più nell’imparare  i termini esatti che si usano in mare. Di certo non mi aspetto che diventino provetti marinai alla loro prima vacanza in barca a vela! Spiegho loro che, con la giusta terminologia, si evitano confusioni quando si impartiscono gli ordini. Cominciamo poi ad affidare gli incarichi che ognuno di loro dovrà, in funzione della loro età , portare a termine in sicurezza, nel momento in cui saranno chiamati a farlo. Il tutto, va ribadito ancora una volta, senza obblighi o regole, ma in modo assolutamente coinvolgente e divertente.  Inizia quindi per loro questa splendida avventura che la vacanza in barca a vela sta per regalare.

You must be logged in to post a comment.

Contattami Su WhatsApp!